Affinchè il gatto sia un animale sano e felice, la sua alimentazione deve essere corretta fin dall'inizio. La scienza della nutrizione animale ha fatto si che oggi ci siano a disposizione alimenti commerciali che forniscono una dieta perfettamente bilanciata per i gatti di tutte le età. Ciò nonostante è importate conoscere le esigenze nutrizionali del proprio gattino, che sono ben diverse da quelle del cane.

I gatti necessitano di circa 50 principi nutritivi per mantenersi in salute.

La carenza di uno solo di questi principi può avviare una reazione a catena che porta a un cattivo stato di salute.

- Le proteine costituiscono la struttura dei tessuti e sono formate da catene di molecole dette aminoacidi. I gatti non sono in grado di sintetizzare due tipi di aminoacidi: l'arginina e la taurina.

La carenza di taurina può causare cecità e problemi cardiaci. Tale aminoacido è presente solo nelle proteine di origine animale. Ciò fa del gatto un carnivoro in senso stretto. 

- I lipidi, o grassi, forniscono energia e contribuiscono alla formazione della membrana cellulare. I gatti hanno bisogno di alcuni acidi grassi essenziali, presenti solo nella carne e nel pesce.

- I carboidrati, o zuccheri forniscono energia e sono presenti nei vegetali.

- Vitamine e minerali devono essere presenti ma non in quantità eccessiva. Se scegliete di fornire una dieta casalinga al vostro gatto evitate di somministrare troppo fegato, ricco di vitamina A, col tempo può portare alla fusione delle vertebre spinali.

Il gattino ha bisogno di molte più proteine di un gatto adulto, anche la richiesta di energia è più elevata, pertanto l'alimentazione deve avere un più alto tenore di grasso.

Per i gatti adulti sono indicate le cosiddette diete di mantenimento. Per gatti sedentari e sterilizzati meglio scegliere la dieta più adatta a loro.

 

I gatti, al contrario dei cani, adorano "spizzicare" preferendo più pasti al giorno. Se hanno cibo a disposizione possono mangiare dalle 10 alle 16 volte al giorno.

Tendono ad essere commensali piuttosto esigenti, prediligendo piatti in vetro, ceramica o porcellana, al posto delle ciotole di plastica o acciaio. Le ciotole devono essere piuttosto basse perchè i gatti odiano toccare il bordo della ciotola con le vibrisse.

 

Alcuni proprietari si chiedono se è necessario variare la dieta del loro gatto, la risposta è NO. I gatti non hanno bisogno di variare e possono mangiare con entusiasmo lo stesso cibo per tutta la loro vita. Loro hanno meno di 500 papille gustative e fronte delle 9000 dell'essere umano. Inoltre improvvisi cambiamenti di alimentazione possono causare distubi digestivi.

C'è chi ai cibi confezionati presenti in commercio preferisce praparare in caso la pappa per il proprio gatto. La dieta deve contenere proteine, carboidrati, grassi e vitamine in corrette proporzioni. Una scorretta proporzione può causare problemi e scompensi seri all'animale.

 

I nostri cuccioli vengono svezzati con scatolette di umido, carne fresca cruda tritata di pollo e crocchette di altissima qualità. I gatti necessitano di mangiare umido, che sia carne cruda o scatolette, l'importante è non limitare l'alimentazione alle sole crocchette, che per quanto costose non sono adatte come alimento unico. 

Soprattutto nei maschi, con il passare del tempo le crocchette favoriscono l'insorgenza di calcoli e struviti. Un'alimentazione fatta di umido (carne fresca e scatolette) è fortemente consigliata per mantenere il gatto in salute.